BREAKING NEWS - 9 Luglio 2019
Il Si Cobas si arrende al nemico <...Read more
16 giugno 2016 - Soresina(CR)
Fascismo di stato e mattanze operaie: Finiper di Soresina(CR) <...Read more
04/06/2019 - Una sciopero d'altri tempi
Solidarietà agli operai francesi in lotta <...Read more
17 dicembre 2018 - S. Giuliano Milanese
contro il decreto sicurezza, contro il governo dei padroni <...Read more
Lavorare meno ore allo stesso salario
<...Read more

no privatizzazione atm Per una volta partiamo dalla fine. 220 ore mensili lavorate, tutte di notte, per uno “stipendio” medio di 1200. Non siamo nei campi di raccolta frutta e pomodori...senza nulla togliere, siamo in un appalto ATM(vigilanza privata) ai quali lavoratori, viene comunque applicato il quasi regolare contratto nazionale che cgil, cisl, uil hanno firmato nei freschi e dorati salotti romani. È la tempesta perfetta sui lavoratori e sono le situazioni ideali per chi fà impresa e per i relativi grandi azionisti che ogni anno reclamano dividendi più che decorosi”.

Leggi tutto...

titolo accordo perugina nestl

Non è la sintesi di un “giallo”, ci riferiamo al recente accordo vergogna sottoscritto alla Perugina/Nestlè.

Con un autentico colpo di mano, si cancellano oltre 400 contratti di lavoratori con contratto a full-time per trasformarli a part-time. Per carità, nulla di male se la paga mensile rimanesse invariata, ovvio che così non sarà e per 400 e passa famiglie saranno ancora più dolori.

Un triste epilogo che vede, come al solito, Cgil-Cisl-Uil protagonisti di questa nuova debacle operaia, che fanno girare il solito disco rotto: “abbiamo salvato i lavoratori dal licenziamento”.

Per noi non è così. Per noi i sindacati confederali, oramai da decenni, sono le avanguardie utilizzate dai padroni e dalla politica per ridurre i diritti e taglieggiare i salari dei lavoratori e per aumentare indiscriminatamente profitti e ricchezza degli esponenti aziendali, molti dei quali anche politici.

Nessun sciopero importante per tentare di salvaguardare i lavoratori, nessuna mobilitazione a difesa di già miserabili salari, nessun degno coinvolgimento dei lavoratori per contrastare gli attacchi padronali.

Alla luce quindi di questo infame accordo che, sicuramente, farà breccia in molte situazioni aziendali ove si ventileranno possibili licenziamenti, non possiamo non mettere in guardia tutti i lavoratori da questi possibili tristi scenari.

E allora, prima che sia troppo tardi, non possiamo non cominciare a dare una dritta a tutti i lavoratori, una prima indicazione mirata a evitare l’ulteriore declino salariale e lavorativo ovunque sotto gli occhi di tutti:

VIA TUTTI DAI SINDACATI CONFEDERALI!

MOLLARE SUBITO QUESTI BUROCRATI E POLITICI!

Milano, 28 maggio 2018      www.solcobas.org

facebook Logo logo twitter