testata TAM

COMUNICATO NR. 1 del 17 ottobre 2021

A 3 giorni dall'inizio del decreto liberticida dell'obbligo vaccinale per lavorare o del pagare per lavorare visto sotto forma di ricatto ferocemente vergognoso, come TAM è necessario fare il punto della situazione.

Leggi tutto...

ATM MILANO + FONDO PRIAMO

=

PURA ARROGANZA

Con gli ultimi cedolini paga, per i lavoratori ATM si è definitivamente consumato l'abuso su quanto stabilito, da Cgil-Cisl-Uil... e aziende, nell'ultimo contratto nazionale del 2015, relativamente all'adesione contrattuale a Priamo, con la destinazione al

fondo dei primi 70 euro circa, anche a nome dei non aderenti al fondo stesso. A nulla sono valse le categoriche diffide consegnate ad ATM a giugno, con le quali decine e decine di lavoratori non aderenti chiedevano esplicitamente di non adempiere a questa operazione.

Un atto di pura arroganza, che contraddistingue con sempre più frequenza il mondo del lavoro nel quale il/i lavoratori non possono e non devono decidere un bel niente: decidono i datori di lavoro per noi. A dimostrazione, lo stesso atteggiamento tipo avvoltoi di ATM sui nuovi assunti che, appena varcato l'ingresso in azienda, tramite il suo personale addetto al fondo Priamo, viene effettuata un'opera di martellamento psicologico sui neoassunti per l'iscrizione al truffaldino fondo. La domanda o dubbio sorge quindi spontanea: se lorsignori(aziende e sindacati) si concedono di poter decidere anche contro un netto parere contrario, figuriamoci se non decideranno di loro iniziativa tutto e il contrario di tutto e, intuibilmente, per i loro scopi e a loro esclusivo vantaggio?

Ma cosa nasconde in sè questa operazione di abominevole "giroconto" o foraggiamento di danaro pubblico a favore di enti privati, quale il fondo Priamo, gestito, guardacaso, da grossi capoccia aziendali e dal parassitismo sindacale a livello nazionale? Perchè non destinare queste risorse economiche ad aumenti salariali di tutti i tranvieri?

Non è difficile intuire che dietro questa arrogante operazione, si nasconde un'evidente debolezza del fondo Priamo, come di tutti gli altri fondi pensione, debolezza che viaggia di pari passo con una crisi economica profonda da cui, prevedibilmente, non si riuscirà più ad uscirne fino a che salari e diritti dei lavoratori, in generale, saranno ridotti ai minimi termini, se non azzerati del tutto; a tal proposito, rileviamo come il lavoro gratuito sta diventando sempre più una costante nella società e questo anche grazie alla presenza di "pescecani" presenti in ogni meandro della grande finanza, cioè anche nei Fondi pensione e nelle banche. Un'economia talmente contorta questa che, per poter sopravvivere, di tanto in tanto ha necessità ed è costretta anche a far fallire banche o fondi.

LAVORATORI ATM NON ADERENTI A PRIAMO

il Sol Cobas, contro questa più che palese ingiustizia, è pronto ad intraprendere una vertenza legale. Ci rivolgiamo sia a tutti i lavoratori che nel mese di giugno hanno sottoscritto con noi la diffida ad ATM ad aiutare gli "amici degli amici" di Priamo, sia ai lavoratori non aderenti che, nel periodo di raccolta firme, erano assenti per ferie o per altro.

Giovedì 9 novembre alle 19:30, presso la nostra sede in Via Cesare Arici, 30 – Milano, è previsto l'avvio della vertenza alla presenza dei nostri legali. Nel corso della riunione, tutti i non aderenti potranno sottoscrivere l'opposizione legale all'abuso effettuato.

Per organizzarsi, potete contattarci o direttamente tramite la nostra sede a Milano in via Cesare Arici, 30(vai a contatti sito www.solcobas.org) o tramite SMS AL 392.1869385.

ANCHE FAR VALERE DETERMINATI PRINCIPI MORALI NEI POSTI DI LAVORO COSTITUISCE BASE FONDAMENTALE MOLTO IMPORTANTE PERCHÈ LA NOSTRA DIGNITÀ DI LAVORATORI È SEMPRE PIÙ SOTTO ATTACCO.

Milano, 03 novembre 2017   www.solcobas.org

icona pdf download 30x30 scarica e diffondi il comunicato