intestazione sol cobas

Israele sonista terrorista

 il nemico e in casa nostra

Venti di guerra soffiano sempre più impetuosi e minacciosi e spingono il mondo verso il baratro di una pressoché inevitabile terza guerra mondiale. In questo scenario l'Italia, il secondo paese al mondo per numero di missioni militari internazionali, conferma il suo ruolo di paese imperialista e non esita a gettarsi nel calderone militarista.

L’obiettivo dell’imperialismo occidentale è evidente: mandare prima allo sbaraglio 30 milioni di proletari ucraini, per poi puntare a smembrare la Russia per cercare di sfruttarne le enormi ricchezze materiali e quindi, da una postazione più vantaggiosa, puntare sulla Cina, principale avversario economico e livello mondiale.

Il punto di vista della classe operaia e dell'intero proletariato deve essere completamente indipendente e contrapposto a quello dei signori della guerra. Innanzitutto rifiutandosi di pagare i costi della guerra imperialista, opponendosi cioè duramente alla precarizzazione, al crollo del potere d'acquisto dei salari e alla demolizione progressiva dei servizi pubblici, già pesantemente in atto, attraverso scioperi estesi a livello di massa, come ad esempio sta avvenendo in Inghilterra e in Francia.

Ma non solo. È necessario che, allo stesso tempo, cresca la convinzione di doversi organizzare per costruire un'alternativa politica e sociale complessiva al dominio dei capitalisti; un dominio che promette solo lacrime e sangue per tutti, in nome della difesa di "pace, democrazia e valori occidentali”.

Su questi presupposti il SOL COBAS aderisce e promuove la partecipazione alla manifestazione di sabato 25 febbraio convocata dai portuali di Genova con l’obiettivo esplicito di boicottare il transito di armi dai porti italiani. Una battaglia coraggiosa e importantissima che auspichiamo possa rappresentare un ulteriore passaggio verso l'unificazione delle forze che si pongono chiaramente in una prospettiva rivoluzionaria e anti-imperialista, in piena continuità con il percorso che ci ha visto contrapporci al tentativo di disciplinamento sociale messo in atto con la gestione totalitaria della “emergenza pandemica” che consideriamo parte di una medesima strategia di guerra dei ristretti circoli dominanti finanziari e militari

Per l'occasione si organizzano pullman con partenza da Milano Lambrate alle ore 11.

Sol Cobas sottotitolo

www.solcobas.org

Milano, 22 febbraio 2023

facebook Logo logo twitter

Percorso