17 dicembre 2018 - S. Giuliano Milanese
contro il decreto sicurezza, contro il governo dei padroni <...Read more
27 settembre 2018 - Zanardo Spa / Massalengo(LO)
La lotta paga <...Read more
TNT Piacenza
Stop all'arroganza padronal-sindacale <...Read more
GLS Cassano Magnago(VA)
Cooperative? Nuociono gravemente alla salute <...Read more
Lavorare meno ore allo stesso salario
<...Read more

ih hotel milano

È seriale l’orrore all’IH Hotel di Milano, in zona Greco, perché è da oltre 10 anni che le lavoratrici dell’albergo, a fronte di settimane lavorative di 40 e passa ore(fra part-time e lavoro supplementare), percepiscono salari che mai hanno superato gli 800 euro: roba da galera a vita sia per le cooperative che si sono succedute negli anni, senza neanche comunque esculdere la diretta committenza, responsabile in tutto e per tutto di questo immane scempio, di questa immonda vergogna. Non nascondiamo neanche di nutrire qualche dubbio sul fatto che pure le istituzioni siano del tutto all’oscuro del livelli così alti di oltraggio, nella fattispecie, del diritto del lavoro e del codice penale.

Leggi tutto...

#NoCapitalismo quindi

#NoTav, #NoMuos, #NoTap, #StopGlifosato, ecc.

Non è possibile considerare tutte le battaglie territoriali non riconducibili ad un unico filo conduttore: quello del capitalismo, fonte primaria

generatrice di mostruosità varie.

Tutte le “grandi opere”, tanto care ai liberisti, ai sovranisti, ai riformisti, ai populisti, ai fintoprogressisti, ecc., hanno un’unica matrice che è quella di far sopravvivere e boccheggiare un sistema marcio e putrefatto come il capitalismo: chi non ammette questa tesi è complice della catastrofe.

Come non vedere il marciume, ad esempio, in una grande “opera pubblica”, questa si, portata a termine: la TEM, la mostruosa autostrada lombarda fortemente voluta da Lega, Forza Italia, ecc., che ha visto dilapidare centinaia e centinaia di milioni di euro di soldi pubblici, per far transitare pochissimi veicoli all’ora.

Potremmo dire che…anche chi si sente assolto, potrebbe essere lo stesso coinvolto, a cominciare da chi, lontano dai posti di comando, porta avanti un certo tipo di battaglie, quando invece va a comandare, cambia completamente paradigma diventando buon sostenitore delle opere mafio-pubbliche; opere buone, finalizzate al traffico di milionarie mazzette a favore di partiti e capibastone.

Sintetizzando quindi, non è possibile essere contro le opere pubbliche, senza una forte critica al vigente sistema capitalistico. La connessione e l’abbraccio tra i due corpi è assolutamente stringente.

La nostra battaglia anticapitalista e la nostra grande opera pubblica è invece quella di:

TOGLIERE AI RICCHI PER DARE AI POVERI,

AD ESEMPIO, AI LAVORATORI

 

Milano, 08 dicembre 2018           www.solcobas.org

facebook Logo logo twitter