07/08/2019 - SDA Carpiano
Marciume aziendale, putrefazione sindacale <...Read more
23 luglio 2019
Sciopero Cgil, Cisl, Uil: basta ipocrisia, basta menzogne, basta scioperi farsa <...Read more
BREAKING NEWS - 9 Luglio 2019
Il Si Cobas si arrende al nemico <...Read more
16 giugno 2016 - Soresina(CR)
Fascismo di stato e mattanze operaie: Finiper di Soresina(CR) <...Read more
Lavorare meno ore allo stesso salario
<...Read more

Comunicato Stampa

SULLA CHIUSURA DI SDA A CARPIANO E LA ROTTAMAZIONE DI OLTRE 200 OPERAI

Con decisione improvvisa il 22 luglio SDA Express annuncia di voler chiudere l'hub di Carpiano dal 1 agosto. Immediatamente il Consorzio UCSA, fornitore del servizio di magazzinaggio dell'azienda dichiara di ritrovarsi con un esubero di 204 operai, di non avere alcuna possibilità di ricollocarli e quindi di dover ricorrere ad un licenziamento collettivo ai sensi della Legge 223/91.

Leggi tutto...
titolo chiusura carpiano

GIOVEDÌ 8 AGOSTO, ORE 15.30, PRESIDIO ALLA REGIONE LOMBARDIA CONTRO I LICENZIAMENTI DI MASSA DI SDA

Come molti sanno, la SDA, con la complicità attiva del SI.Cobas, ha deciso di chiudere il sito di Carpiano, spingendo il consorzio UCSA ad

aprire una procedura di licenziamento collettivo di 204 operai.

Si tratta di una manovra politica molto chiara finalizzata ad aprire le porte, anche a Carpiano, ai piani industriali di ristrutturazione che prevedono l'annientamento di qualsiasi forme di opposizione e resistenza degli operai organizzati.

Ma la reazione degli operai del SOL COBAS, nonostante le difficili condizioni, c'è stata. Prima costituendo un presidio permanente davanti ai cancelli e poi, dopo aver rifiutato di sottoscrivere un accordo di svendita, occupando nella giornata di ieri la sede del consorzio UCSA a Peschiera Borromeo.

Azioni che hanno portato alla chiusura anticipata della fase sindacale prevista dalla legge 223/91 e che hanno portato alla luce tutta l'illegalità contenuta nella manovra con cui i padroni e i loro servi vorrebbero eliminare forza lavoro ormai storica, e tenersi aperta la possibilità di nuove assunzioni precarie e a basso costo.

Coscienti che la legge, senza la pressione della lotta operaia, non é altro che uno strumento nelle mani dei padroni, il Cobas di Carpiano ha deciso di incalzare gli avversari chiamando in causa la Regione Lombardia e  costringere cosi gli attori di questo tentativo di macellazione sociale a sedersi ad un tavolo in cui si riducano gli spazi per la totale libertà che fino ad ora si sono presi.

Invitiamo tutti i solidali con la lotta degli operai di Carpiano a fornire il loro sostegno presentandosi al presidio di giovedì.
Appuntamento dalle ore 15 30 presso la sede di Regione Lombardia di via Taramelli 7

 

Milano, 07 agosto 2019              www.solcobas.org

 
facebook Logo logo twitter