titolo comunicato dalla lotta in fruttital

Dopo una lunga giornata cominciata con l'assemblea delle 10 davanti ai cancelli della fabbrica, proseguita con l'ingress nel piazzale interno, prosegue ora con l'occupazione della fabbrica. stessa.

I padroni approfittando dell'emergenza sanitaria, hanno reagito alla protesta operaia di marzo, per chiudere la fabbrica con il pretesto dell'assenteismo operaio. Hanno così cercato di nascondere i 5 casi accertati di covid e altre 7 quarantene imposte dall'ATS.

Leggi tutto...

La moderna antichità

Sei un nero, non sederti vicino a me”. Le lapidarie parole pronunciate da una viaggiatrice trevigiana su un autobus Flixbus, sono la paradigmatica rappresentazione di come il potere sta incanalando e accompagnando questa società: il becero e fascistoide razzismo del potere politico, quello dei governi e

dei partiti che continuano a governare questo paese e, purtroppo, non solo questo. È proprio su questo aspetto della “politica” contemporanea che è necessario e doveroso puntare la massima attenzione per capire il risultato finale stesso che sta producendo, che è l’impoverimento massiccio della classe operaia e lo spudorato arricchimento di chi comanda, dai politici ai padroni, dalle banche ai grandi capitalisti.

La signora sull’autobus che si “ribella” per il fatto che al suo fianco si è seduta un ragazzo dalla pelle nera, è proprio questo il prodotto finale che la politica di oggi vuole: il tuo nemico è chi sta peggio di te e puoi ribellarti solo contro di lui, devi invece chiudere gli occhi rispetto alla devastazione, in tutti i sensi, che i politici stanno producendo.

Il mondo del lavoro e i diritti dei lavoratori, infatti, registrano degli importanti arretramenti sia salariali che normativi: devi chiudere gli occhi davanti a questo macabro scenario perché, per loro, il tuo nemico, non deve essere il politico, ma il nero o il povero disgraziato. A vedere dai risultati elettorali, pur essendoci quasi la metà di astensionismo, comunque ottengono delle piccole maggioranze che gli permettono di impostare la società.

Non è un caso quanto il governo gialloverde ha inserito nel recente “decreto sicurezza”, laddove hanno inserito la criminalizzazione dei lavoratori che decidono di lottare contro lo sfruttamento e i salari da fame; un decreto studiato ad hoc contro i lavoratori della logistica, a forte presenza di manodopera immigrata, ma anche contro le molte categorie di lavoratori nostrani che potrebbero decidere prossimamente di alzare la testa e di togliersi dalla scomoda posizione a novanta gradi.

Non è criminalizzato, anzi è molto tollerato, persino il traffico di droga. D’altro canto, anche esponenti politici(recentemente un arrestato della Lega) sono impegnati in questo settore utile a tenere sotto controllo fette di disagio sociale: un classico esempio è quanto avviene tutti i giorni attorno alla stazione di Rogoredo(Milano).

CONTRO LA CORRUZIONE DELLA POLITICA,

CONTRO RAZZISMO, MISERIA E BARBARIE

NOI CI SEDIAMO E CI SIEDEREMO SEMPRE A

FIANCO DEI NERI

Milano, 23 ottobre 2018                                       www.solcobas.org

facebook Logo logo twitter