Stop all'arroganza padronal-sindacale Leggi tutto...
Cooperative? Nuociono gravemente alla salute
...
Leggi tutto...
sciopero nelle filiali di Azzano(BG) e Cassano Magnago(VA) - Leggi tutto...
Cgil - Cisl - Uil: un bacio(traditore) di accordo. Leggi tutto...

ALBAVILLA(CO)

SORGE IL SOLE

È stata sufficiente un’ora questa mattina per far sorgere e risplendere il sole anche alla TBF di Albavilla.

Insieme al sole, anche il SOL

Cobas e i lavoratori, tutti uniti, si sono ritrovati nella nuova era...quella del rispetto della dignità operaia, quella della consapevolezza che solo uniti nella lotta si può vincere.

La storia è la solita di lavoratori da anni costretti a pesanti diktat padronali che hanno daterminato la classica situazione tristemente nota in molti luoghi di lavoro di questo paese, dove regnano incontrastate arroganza datoriale e annichilimento del diritto del lavoro.

Ma succede a volte che il padrone prova a fare il passo più lungo della gamba e, mettendo in pratica la tipica filosofia industriale del...se vuoi è così altrimenti quella è la porta, decide li licenziare lavoratori nostri iscritti: mai migliore detonatore, quest’ultimo, per far esplodere il vulcano della lotta, nella quale anni e anni di vessazioni e paure vengono letteralmente fuse e scrollate di dosso.

Nuova, netta vittoria Sol Cobas, dunque, e i due lavoratori licenziati per motivi politici, questa mattina sono rientrati immediatamente sul posto di lavoro.

Possono pure abolire l’art. 18, Renzi e tutta la compagnia cantanti in parlamento, ma di fronte alla determinazione e al nuovo protagonismo operaio, non ci sarà mai più legge che tenga, sopratutto se la controparte padronale andrà oltre quelli che sono i limiti del fare impresa nel rispetto di donne, uomini e famiglie.

CHI LOTTA PUÒ VINCERE, CHI NON LOTTA HA GIÀ PERSO...

                                                                                                                                (Che Guevara)

Albavilla, 12 gennaio 2018        www.solcobas.org

facebook Logo logo twitter